La verità sulla Maschera di ferro

 

 

L’Uomo dalla maschera di ferro. E chi non è affascinato da questo enigma? Alexandre Dumas lo rese noto in tutto il mondo. La soluzione, da lui proposta nei suoi romanzi d’appendice, si ispirava alle ricerche di Voltaire. Un secolo prima il grande letterato aveva indagato sull’Uomo dalla maschera di ferro e raccolto utilissime informazioni. Le sue deduzioni sono illuminanti. Dopo attenta analisi, Voltaire pensò di aver risolto il problema, ma in realtà gli mancava ancora il pezzo più importante del puzzle. Quello che abbiamo noi oggi. Bisogna cercarlo alla Bastiglia.

Andiamo per ordine. Siamo nel 1751. Nel venticinquesimo capitolo dell’opera Le Siècle de Louis XIV, Voltaire scrive:

“Alcuni mesi dopo la morte di Mazzarino si verificò un avvenimento senza precedenti che, cosa non meno singolare, fu ignorato da tutti gli storici. Si condusse in gran segreto alla fortezza dell’isola di Santa Margherita, nel mare di Provenza, un prigioniero sconosciuto di altezza superiore alla media, giovane e dal portamento nobile e fiero. Questo prigioniero portava durante il viaggio una maschera il cui sottogola era munito di molle d’acciaio che gli permettevano di mangiare pur tenendo la maschera sul volto. Era stato ordinato di ucciderlo nel caso in cui egli si scoprisse. Il prigioniero rimase sull’isola fino a quando un ufficiale di fiducia di nome Saint Mars, governatore di Pinerolo, essendo stato nominato nel 1690 governatore della Bastiglia, andò a prenderlo e, dall’isola di Santa Margherita, lo condusse, sempre mascherato, alla Bastiglia.Il marchese di Louvois gli fece visita sull’isola prima del trasferimento. Lo sconosciuto venne portato alla Bastiglia, dove fu alloggiato nel modo più comodo possibile per quella fortezza; non gli si negava nulla di ciò che chiedeva. Egli prediligeva la biancheria di straordinaria eleganza e i pizzi. Suonava la chitarra, veniva trattato con il massimo rispetto, e il governatore si sedeva raramente davanti a lui. Un vecchio medico della Bastiglia che lo curò diverse volte disse di non aver mai visto la sua faccia, nonostante ne avesse esaminato la lingua e il resto del corpo. Secondo il medico egli aveva una bellissima figura, la pelle un po’ scura, un timbro di voce che risvegliava interesse in chi lo ascoltava. Non si lamentava della propria situazione e non faceva niente per svelare il suo segreto. Questo sconosciuto morì nel 1703 e fu sepolto nella parrocchia di Saint Paul durante la notte. Ciò che stupisce maggiormente è il fatto che quando lo sconosciuto fu mandato sull’isola di Santa Margherita in Europa non scomparve nessun uomo importante.”

1846reau le Jeune Portrait Voltairs-free

Voltaire, il primo autore che scrisse sull’Uomo dalla maschera di ferro. Il letterato si occupò per anni di questo enigma e pensò, alla fine, di averlo risolto identificando nel prigioniero mascherato un gemello di Re Sole. Ritratto di Jean-Michel Moreau, 1846.

Voltaire s’era imbattuto nel singolare episodio già prima del 1738. Durante i suoi soggiorni forzati alla Bastiglia – vi fu rinchiuso due volte –, il letterato aveva avuto la possibilità di raccogliere testimonianze sul prigioniero. L’affare lo coinvolse in una serie di indagini che sarebbero continuate per anni. Presto dovette arrendersi all’evidenza: si trattava di un segreto di Stato talmente ben custodito, che non sarebbe mai riuscito a venirne a capo appoggiandosi a prove concrete. Poteva soltanto formulare delle ipotesi. Alla fine optò per la teoria che identificava lo sconosciuto con il fratello gemello di re Luigi XIV, Re Sole.

La motivazione presentata dallo scrittore si basa su di una logica schiacciante: se si voleva nascondere il volto del detenuto con una maschera, ciò significa che i suoi lineamenti dovevano essere noti a molte persone. In un’epoca in cui la fotografia non esisteva, sicuramente le facce celebri – quelle che ognuno avrebbe riconosciuto senza troppi problemi – erano poche, e la più famosa di tutte apparteneva al re di Francia. Argomentazione ineccepibile.

In un’edizione successiva de Le Siècle de Louis XIV, Voltaire aggiunge nuove informazioni:

“Tale prigioniero era sicuramente una personalità importante (…) Il governatore poneva di propria mano i piatti sul tavolo del detenuto e si ritirava dopo aver chiuso la porta della cella.”

Prima di essere trasferito alla Bastiglia, l’Uomo dalla maschera di ferro fu rinchiuso per alcuni anni nella fortezza dell’isola di Santa Margherita, presso Nizza, sotto la sorveglianza del governatore Saint Mars. Un cugino del governatore Saint Mars di servizio sull’isola, l’ufficiale Blainvilliers, riuscì a spiare la Maschera nascostamente. Blainvilliers riferisce:

Ile Sainte-Marguerite-view of the north of the island including Sainte-Marguerite village and the Fort Royal Author Vjam-en-Category-Lérins Islands-free

L’isola di Santa Margherita. Nella fortezza fu imprigionato l’Uomo dalla maschera di ferro.

“(…) aveva un volto pallido, la figura alta e ben proporzionata, con le gambe un po’ grosse in basso, i capelli bianchi, anche se non sembrava molto vecchio.”

Dunque il prigioniero doveva avere un’età matura allorché raggiunse Santa Margherita, e cioè prima di essere trasferito alla Bastiglia. Non era il giovane di cui parlava Voltaire, forse ingannato dal particolare del portamento fiero.

Un documento della Bastiglia fa luce sul mistero

Ma qual è stato, esattamente, il percorso di quell’odissea tormentata che sospinse l’infelice da una prigione all’altra per ben trent’anni? Pinerolo, Exiles, Santa Margherita, Bastiglia.

Yesuitus2001-CC-BY-SA-3.0

Cella della fortezza di Santa Margherita abitata dall’Uomo dalla maschera di ferro. Nonostante la lunga prigionia e le incredibili misure di sicurezza, lo sconosciuto era sempre alloggiato in comode stanze. Foto: Yesuitus2001CC-BY-SA-3.0

Bénigne Dauvergne de Saint-Mars gouvernor of the Pignerol prison-free

Il governatore Saint-Mars incaricato di sorvegliare l’Uomo dalla maschera di ferro da Pinerolo all’Isola di Santa Margherita, sino alla Bastiglia. Probabilmente Saint-Mars fu il solo a conoscere la sua identità.

Ogni carcere doveva essere ristrutturato prima del suo arrivo. Affinché l’isolamento fosse totale, venivano sempre costruite tre porte di accesso alla sua cella, mentre all’interno di essa la finestra doveva essere munita di tripla inferriata. La corrispondenza intercorsa tra Luigi XIV, Saint Mars e il ministro alla Guerra Louvois circa la detenzione della Maschera e che possediamo tutt’oggi, riporta somme enormi, spese per mantenere in vita lo sconosciuto in modo principesco e nel più grande segreto. La prima tappa fu, quindi, Pinerolo. Nella fortezza piemontese – più tardi distrutta – l’Uomo dalla maschera di ferro iniziò la sua detenzione. E sin dall’inizio era sotto la sorveglianza del governatore Saint Mars, il quale veniva profumatamente pagato per questo servizio.

Voltaire non lo sapeva. Il letterato era convinto che lo sconosciuto fosse apparso per la prima volta a Santa Margherita, e cercava quindi di individuare la sparizione di un personaggio importante dalla scena europea con una decina d’anni di ritardo. Senza essere al corrente di Pinerolo, Voltaire non poteva risolvere l’enigma. Cercava nell’epoca sbagliata. Ma se avesse avuto accesso a un certo documento della Bastiglia, si sarebbe reso conto dell’errore.

Ed è questo il pezzo mancante del puzzle: il documento della Bastiglia. La prova storica che collega la Maschera alla fortezza piemontese di Pinerolo, ci viene fornita da un carceriere della Bastiglia, il luogotenente du Junca. Quest’uomo coscienzioso riportava sistematicamente in un suo registro l’entrata e l’uscita di ogni prigioniero dal castello. Non era tenuto a farlo, ma evidentemente ci teneva a sapere con esattezza chi arrivava alla fortezza e chi la lasciava, con tanto di date. E all’arrivo della Maschera – nel 1698 – du Junca scrisse:

“Giovedì 18 settembre alle tre del pomeriggio è arrivato il signore di Saint Mars, nuovo governatore del castello della Bastiglia, proveniente dalle isole di Santa Margherita e Honorat, portando con sé nella sua lettiga un vecchio prigioniero che egli custodiva già a Pinerolo. Questo prigioniero è sempre mascherato e nessuno ne conosce il nome.”

Hubert-Robert

La fortezza parigina della Bastiglia all’inizio della distruzione. Qui fu imprigionato l’Uomo dalla maschera di ferro e qui morì. Pittura di Hubert-Robert.

Un vecchio prigioniero mascherato che Saint Mars custodiva già a Pinerolo. E chi custodiva Saint Mars, ex moschettiere del re e buon amico del famoso D’Artagnan, a Pinerolo? Un prigioniero più che prominente, la cui maschera celava un volto celebre almeno quanto quello di Re Sole. Un personaggio che anni dopo, ufficialmente, sarebbe morto nella fortezza piemontese improvvisamente, in preda a convulsioni e mal di cuore. Ma si trattava di una messinscena, una misura di sicurezza per farlo sparire per sempre dietro una maschera. Non si voleva ucciderlo, perché quest’uomo conosceva un segreto della massima importanza. E forse Luigi XIV sperò davvero, fino all’ultimo respiro della Maschera di ferro, di venirne a capo. Non fu così.

Intanto però l’Uomo dalla maschera di ferro morì. Prima del sovrano. Spirò portando il suo segreto nella tomba, dimenticato dal mondo, in una cella della Bastiglia. Rassegnato e triste, incise alcuni versi poetici sulla porta del carcere che lo teneva prigioniero. Versi nostalgici, che aveva composto per lui un amico poeta e che rispecchiavano il suo tragico destino:

“Oronte est a present un object de clemence;
s’il a cru les conseils d’une aveugle puissance,
il est puni par son sort rigoreux,
et c’est etre innocent que d’etre malheureuse.”

È in programma un saggio che tratta esclusivamente l’enigma della Maschera di ferro e svela il mistero con tutte le sue implicazioni.

Probabile uscita: ottobre 2016.

Nel frattempo, propongo i seguenti testi:


Per approfondire il tema della Maschera di ferro, rimando alla lettura del mio saggio “L’Eresia templare” edito da Venexia Edizioni, 2008.

Per approfondire il tema del rapporto fra Maschera di ferro e le società segrete, vedi il mio saggio Il Serpente Rosso.

Su d’Artagnan:

Libro con copertina flessibile esclusivamente su Amazon al prezzo di € 9,65

Ebook nei grandi webshop internazionali come Amazon, Google Play, Itunes.Apple, Kobo ecc., e in molte librerie italiane online al prezzo di € 4,99

a vera storia di d'Artagnan, capitano della prima compagnia dei moschettieri del re. Sabina Marineo - Ebook - Edizioni Controstoria 2015