• INDICE:

  • Introduzione
    Parte prima
  • IL SEGRETO
  • Iniziati – Simbologia – Servizi segreti
    La politica dell’iniziazione e il segreto dell’immortalità
    I segreti della Bibbia
    Società segrete e messaggeri divini
    L’Ordine della Rosa e il MK-ULTRA: l’apoteosi del male
    Parte seconda
  • LA GLOBALIZZAZIONE
  • Banche – Libero scambio – Criminalità internazionale
    Jekyll Island: l’isola del tesoro
    Obama, l’avatar degli oligarchi
    WTO e Monsanto: controllo e biopirateria
    Helter Skelter: Satana in USA e la sua rete internazionale
    Parte terza
  • LA GUERRA
  • Divide et impera – Fino all’ultima goccia – Il sogno dell’umanità disumanizzata
    Pax americana: guerra export e black site
    La guerra dell’acqua
    Le pietrre dello scandalo e il Ku Klux Klan
    Dalla Georgia all’Artico: il tesoro del Giudizio Universale
    Are you transuman?
    La scacchiera di Brezinski
    Il bivio

193 pagine – Verdechiaro Edizioni / Nexus Edizioni 2015 – Edizione cartacea € 18.00

Ci sono le guerre del napalm, quelle delle bombe più mortifere, delle mine antiuomo. Il risultato: cataste di corpi distrutti e senza vita, città devastate, nazioni mutilate per sempre. Metodi drastici di conquista, usati da coloro che non mirano soltanto a impossessarsi delle ultime risorse del pianeta ma anche a ridurre il numero della popolazione mondiale. Perché? Siamo in troppi, sulla Terra. Animale rapace da che mondo è mondo, l’essere umano ha ucciso e depredato per millenni, per decine di millenni, centinaia di millenni, in qualsiasi territorio abbia messo piede. Ma le risorse non sono infinite. Ora ci troviamo ai ferri corti. Il confronto finale. Non c’è più molto tempo per imparare a vivere insieme su questo splendido e martoriato pianeta blu sospeso nell’infinità dell’universo. Vivere insieme. Questo è il dilemma. Non l’abbiamo ancora imparato. E quando il globo è nelle mani di oligarchi privi di scrupoli che pensano soltanto ai propri interessi, la cosa si fa ancor più problematica. Soprattutto se le risorse sono limitate. Chi vi attingerà nel prossimo futuro? Quelli che sopravvivranno. I superstiti. Sopravvivranno a cosa? Alla terza guerra. La terza guerra mondiale? Impossibile, si dice, nessuno sarebbe così pazzo da mettere in moto un meccanismo di morte basato su armi talmente spaventose, da distruggere continenti interi nel giro di pochi attimi. In realtà il meccanismo è già stato messo in moto. La terza guerra globale è già cominciata da tempo. Globale, non mondiale. Questa è la differenza. Ora si attacca il globo intero. Si vuole mettere in ginocchio anche la natura. E le armi convenzionali non bastano. Si usano anche altri metodi. Armi invisibili ma altrettanto letali. Armi nascoste sotto il manto ingannatore di una pseudo-democrazia, oltre il vessillo del “libero scambio”. La terza guerra, quella globale, avviene a colpi di vaccini venefici, organismi geneticamente modificati, mass media vergognosamente pilotati, privatizzazione del globo intero – natura compresa-, schiavizzazione di un numero sempre maggiore di popoli di tutto il mondo, genti che non riescono a tenere il passo con questa vita sempre più cara e finiscono per rimanere schiacciate nella morsa delle banche. Apriamo gli occhi prima che sia troppo tardi e guardiamo in faccia il nemico che intriga da secoli nell’ombra di società più o meno segrete, associazioni internazionali pseudo-benefiche, istituti di ricerca più o meno sospetti. Il futuro si chiama schiavitù nel segno del transumanismo e in pochi ne approfitteranno. A meno che non fermiamo la macchina in tempo. Ora vi chiedo: come avrei potuto tacere in una situazione simile? Io non sono una politica, nemmeno un’economista. Il mio campo è quello dell’archeologia, del passato, delle origini dell’uomo e della nostra storia. Ma ci sono dei momenti in cui bisogna lanciare un segnale d’allarme.

Compra il libro su Amazon